Uva, nocciola e frumento: nuovi ingredienti per l’architettura e il design?