Sul "rischio derivato" dall'impatto delle catastrofi naturali