ITA: Il paper propone una rilettura critica dei risultati del dialogo tra gli autori e gli studenti nell’ambito di un corso universitario di modellazione geometrica in architettura circa la sperimentazione di metodi e strumenti del Disegno per formalizzare un processo di comunicazione inclusiva basata su modelli tangibili. La realizzazione degli artefatti è stata basata su letture geometriche di alcuni padiglioni dell’Esposizione Universale Milano 2015. Si propone una prima catalogazione degli esiti in base a gruppi concettuali basati sulla lettura critica della forma architettonica, sulle metodologie di prototipazione impiegate e sul rapporto tra utenza prevista e rispondenza del modello alle aspettative. Gli esiti di una ricerca sono indirizzati a valorizzare gli aspetti più variegati dei concetti stessi di accessibilità e inclusione, ma anche ad implementare la comprensione spaziale delle «cose», aprendo il panorama delle applicazioni a nuove ricerche in grado di promuovere maggiore consapevolezza nella gestione inclusiva della comunicazione del fatto architettonico, concorrendo nel percorso verso una più ampia accessibilità di forme, spazi e idee. | ENG The paper proposes a critical reinterpretation of the results of the dialogue between the authors and students as part of an undergraduate course on geometric modelling in architecture about experimenting with Drawing methods and tools to formalize a process of inclusive communication based on tangible models. The creation of artefacts was based on geometric readings of some of the pavilions of the 2015 Milan World Expo. Initial cataloguing of the outcomes is proposed based on conceptual groups based on the critical reading of the architectural form, the prototyping methodologies employed, and the relationship between intended users and the model’s responsiveness to expectations. The outcomes of research are directed to enhance the most varied aspects of accessibility and inclusion concepts but also to implement the spatial understanding of ‘things’, opening the applications landscape to new research that can promote greater awareness in the inclusive management of the communication of architectural fact, competing in the path toward broader accessibility of forms, spaces and ideas.

Molteplici forme di rappresentazione per condividere le geometrie di Expo Milano 2015 / Pavignano, Martino; Zich, Ursula. - ELETTRONICO. - (2022), pp. 388-409. ((Intervento presentato al convegno DAI | Il Disegno per l’Accessibilità e l’Inclusione tenutosi a Genova nel 02, 03 dicembre 2022.

Molteplici forme di rappresentazione per condividere le geometrie di Expo Milano 2015

Martino Pavignano;Ursula Zich
2022

Abstract

ITA: Il paper propone una rilettura critica dei risultati del dialogo tra gli autori e gli studenti nell’ambito di un corso universitario di modellazione geometrica in architettura circa la sperimentazione di metodi e strumenti del Disegno per formalizzare un processo di comunicazione inclusiva basata su modelli tangibili. La realizzazione degli artefatti è stata basata su letture geometriche di alcuni padiglioni dell’Esposizione Universale Milano 2015. Si propone una prima catalogazione degli esiti in base a gruppi concettuali basati sulla lettura critica della forma architettonica, sulle metodologie di prototipazione impiegate e sul rapporto tra utenza prevista e rispondenza del modello alle aspettative. Gli esiti di una ricerca sono indirizzati a valorizzare gli aspetti più variegati dei concetti stessi di accessibilità e inclusione, ma anche ad implementare la comprensione spaziale delle «cose», aprendo il panorama delle applicazioni a nuove ricerche in grado di promuovere maggiore consapevolezza nella gestione inclusiva della comunicazione del fatto architettonico, concorrendo nel percorso verso una più ampia accessibilità di forme, spazi e idee. | ENG The paper proposes a critical reinterpretation of the results of the dialogue between the authors and students as part of an undergraduate course on geometric modelling in architecture about experimenting with Drawing methods and tools to formalize a process of inclusive communication based on tangible models. The creation of artefacts was based on geometric readings of some of the pavilions of the 2015 Milan World Expo. Initial cataloguing of the outcomes is proposed based on conceptual groups based on the critical reading of the architectural form, the prototyping methodologies employed, and the relationship between intended users and the model’s responsiveness to expectations. The outcomes of research are directed to enhance the most varied aspects of accessibility and inclusion concepts but also to implement the spatial understanding of ‘things’, opening the applications landscape to new research that can promote greater awareness in the inclusive management of the communication of architectural fact, competing in the path toward broader accessibility of forms, spaces and ideas.
2022
9788899586256
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2022_DAI Pavignano-Zich.pdf

accesso aperto

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Creative commons
Dimensione 4.43 MB
Formato Adobe PDF
4.43 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2973617