La torsione dall’urbanistica dei luoghi a quella dei corpi