Tra composizione e storia: vuoto/pieno/vuoto, un caso di studio