L’intuizione-atto e la competenza. Software e modelli fisici tra corporeità e virtualità