“Genie et industrie” nel giardino delle acque di età barocca