Torino, per la Cavallerizza reale sarà la volta buona?