Il territorio casentinese mostra esigue evidenze archeologiche del periodo che va dal primo periodo longobardo fino all’epoca carolingia; queste evidenze sono in prevalenza relative alle prime fondazioni delle pievi romaniche del territorio. Il periodo altomedievale in Casentino (dalla fine del VII agli inizi del X secolo) può essere analizzato invece attraverso le evidenze scultoree legate alla sfera liturgica. Nella Toscana altomedievale, come del resto dell'Italia, le maestranze legate alla sfera edilizia e scultorea erano principalmente itineranti. I magistri potevano circolare sia al di fuori della Toscana sia da diocesi in diocesi, nel caso del Casentino tra Fiesole e Arezzo. I loro spostamenti tra le diocesi erano, ovviamente, volute ed autorizzate dai vescovi, soprattutto per le committenze di arredi liturgici. La natura itinerante delle maestranze ha consentito di individuare, attraverso la lettura delle tracce materiali scultoree, la diffusione degli stili figurativi in molti circuiti cittadini. Risulta tuttavia difficile ricostruire le vicende e gli spostamenti delle maestranze scultoree nella Toscana alto- medievale, sia per le poche attestazioni e sia per le fonti documentarie quasi sempre postume. L'analisi degli arredi liturgici casentinesi, soprattutto l'analisi delle tracce degli strumenti, potrebbe contribuire a sanare parte di questa mancanza. L’integrazione delle fonti artistiche degli elementi scultorei con una lettura di tipo archeologica renderà possibile da un lato l’individuazione delle possibili influenze artistiche delle maestranze, dall’altro la localizzazione del territorio di pertinenza dei magistri che hanno eseguito i frammenti casentinesi.

Gli arredi liturgici lapidei altomedievali: committenti e maestranze nel Casentino tra VII-X secolo / Diara, Filippo. - ELETTRONICO. - Atti del IV Ciclo di Studi Medievali - NUME:(2018), pp. 303-309. ((Intervento presentato al convegno IV Ciclo di Studi Medievali tenutosi a Firenze nel 4-5 Giugno 2018.

Gli arredi liturgici lapidei altomedievali: committenti e maestranze nel Casentino tra VII-X secolo

DIARA, FILIPPO
2018

Abstract

Il territorio casentinese mostra esigue evidenze archeologiche del periodo che va dal primo periodo longobardo fino all’epoca carolingia; queste evidenze sono in prevalenza relative alle prime fondazioni delle pievi romaniche del territorio. Il periodo altomedievale in Casentino (dalla fine del VII agli inizi del X secolo) può essere analizzato invece attraverso le evidenze scultoree legate alla sfera liturgica. Nella Toscana altomedievale, come del resto dell'Italia, le maestranze legate alla sfera edilizia e scultorea erano principalmente itineranti. I magistri potevano circolare sia al di fuori della Toscana sia da diocesi in diocesi, nel caso del Casentino tra Fiesole e Arezzo. I loro spostamenti tra le diocesi erano, ovviamente, volute ed autorizzate dai vescovi, soprattutto per le committenze di arredi liturgici. La natura itinerante delle maestranze ha consentito di individuare, attraverso la lettura delle tracce materiali scultoree, la diffusione degli stili figurativi in molti circuiti cittadini. Risulta tuttavia difficile ricostruire le vicende e gli spostamenti delle maestranze scultoree nella Toscana alto- medievale, sia per le poche attestazioni e sia per le fonti documentarie quasi sempre postume. L'analisi degli arredi liturgici casentinesi, soprattutto l'analisi delle tracce degli strumenti, potrebbe contribuire a sanare parte di questa mancanza. L’integrazione delle fonti artistiche degli elementi scultorei con una lettura di tipo archeologica renderà possibile da un lato l’individuazione delle possibili influenze artistiche delle maestranze, dall’altro la localizzazione del territorio di pertinenza dei magistri che hanno eseguito i frammenti casentinesi.
9788893493710
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Articolo.pdf

non disponibili

Tipologia: 2. Post-print / Author's Accepted Manuscript
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 269.55 kB
Formato Adobe PDF
269.55 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2709758
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo