“Non un lembo di terreno incolto”: Torino e gli orti di guerra