Gli eventi sismici che hanno colpito l’Italia Centrale nell’agosto ed ottobre 2016 hanno provocato importanti perdite nei piccoli centri che caratterizzano questi territori. Numerose costruzioni storiche di straordinaria importanza artistica sono crollate o hanno subito danni ingenti. La Basilica di San Nicola da Tolentino, una delle più importanti testimonianze del patrimonio storico ed artistico dell’area, ha subito rilevanti danni nelle sue componenti strutturali principali che indicano una possibile riduzione della capacità sismica. Assume cruciale importanza monitorare la risposta strutturale nel tempo in modo da seguire l’evoluzione dei danni esistenti e determinare come possano incidere sulla stabilità strutturale. Sulla base di ciò il Comune di Tolentino, il Politecnico di Torino e la Nagoya City University hanno siglato un accordo di cooperazione strategica finalizzato al monitoraggio strutturale dinamico della Basilica. Le analisi dei dati acquisiti saranno focalizzate alla identificazione dei parametri dinamici in grado di evidenziare aspetti critici come l’attivazione di meccanismi locali o l’integrità delle connessioni tra i diversi elementi strutturali. Questo articolo descrive il sistema di monitoraggio installato nell’aprile 2017 e mostra i risultati delle analisi preliminari condotte sui dati acquisiti durante i primi mesi.

Monitoraggio dinamico post-sisma della Basilica di San Nicola da Tolentino / Sabia, Donato; Aoki, Takayoshi; Costanzo, Daniele; Lancellotta, Renato; Quattrone, Antonino. - ELETTRONICO. - Atti del XVII Convegno ANIDIS "L'ingegneria sismica in Italia":(2017), pp. 2420-2425. ((Intervento presentato al convegno XVII Convegno ANIDIS - L'INGEGNERIA SISMICA IN ITALIA tenutosi a PISTOIA nel 17-21 Settembre 2017.

Monitoraggio dinamico post-sisma della Basilica di San Nicola da Tolentino

Donato Sabia;Daniele Costanzo;Renato Lancellotta;Antonino Quattrone
2017

Abstract

Gli eventi sismici che hanno colpito l’Italia Centrale nell’agosto ed ottobre 2016 hanno provocato importanti perdite nei piccoli centri che caratterizzano questi territori. Numerose costruzioni storiche di straordinaria importanza artistica sono crollate o hanno subito danni ingenti. La Basilica di San Nicola da Tolentino, una delle più importanti testimonianze del patrimonio storico ed artistico dell’area, ha subito rilevanti danni nelle sue componenti strutturali principali che indicano una possibile riduzione della capacità sismica. Assume cruciale importanza monitorare la risposta strutturale nel tempo in modo da seguire l’evoluzione dei danni esistenti e determinare come possano incidere sulla stabilità strutturale. Sulla base di ciò il Comune di Tolentino, il Politecnico di Torino e la Nagoya City University hanno siglato un accordo di cooperazione strategica finalizzato al monitoraggio strutturale dinamico della Basilica. Le analisi dei dati acquisiti saranno focalizzate alla identificazione dei parametri dinamici in grado di evidenziare aspetti critici come l’attivazione di meccanismi locali o l’integrità delle connessioni tra i diversi elementi strutturali. Questo articolo descrive il sistema di monitoraggio installato nell’aprile 2017 e mostra i risultati delle analisi preliminari condotte sui dati acquisiti durante i primi mesi.
978-886741-8541
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11583/2699421
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo