Il complesso di Torino Esposizioni presenta due padiglioni principali, conosciuti anche come i saloni B e C, entrambi progettati e realizzati da Pier Luigi Nervi tra il 1947 e il 1953. In questo complesso Nervi ha avuto modo di utilizzare per la prima volta su strutture di grandi luci la sua personale tecnica costruttiva, che prevedeva l’uso congiunto ed esteso di ferrocemento ed elementi prefabbricati. Questo contributo vuole analizzare e discutere i fattori di vulnerabilità sismica presenti nei due saloni realizzati da Nervi. Infatti, entrambi i saloni, in linea con le normative dell’epoca, sono stati concepiti e realizzati senza tener conto delle possibili azioni sismiche. Sulla base di alcune modellazioni a elementi finiti dei Saloni B e C, sono state condotte diverse analisi con l’obiettivo di: i) valutare la vulnerabilità delle architetture spaziali storiche rispetto alle azioni sismiche, con particolare attenzione alla strutture di Nervi; ii) approfondire l’influenza degli elementi non strutturali sulla risposta globale dell’edificio rispetto alle azioni dinamiche; iii) contribuire a una migliore conoscenza del patrimonio architettonico di Pier Luigi Nervi.

Fattori di vulnerabilità sismica nelle architetture voltate di Torino Esposizioni / Caldera, Carlo; Ceravolo, Rosario; Chiorino, Cristiana; Lenticchia, Erica; Ostorero, CARLO LUIGI. - ELETTRONICO. - Colloqui.AT.e 2017 Demolition or reconstruction?:(2017), pp. 738-748. ((Intervento presentato al convegno Colloqui.AT.e 2017 Demolition or reconstruction? tenutosi a Ancona (Italia) nel 28-29 settembre 2017.

Fattori di vulnerabilità sismica nelle architetture voltate di Torino Esposizioni

Carlo, Caldera;Rosario, Ceravolo;Cristiana, Chiorino;Erica, Lenticchia;Carlo, Ostorero
2017

Abstract

Il complesso di Torino Esposizioni presenta due padiglioni principali, conosciuti anche come i saloni B e C, entrambi progettati e realizzati da Pier Luigi Nervi tra il 1947 e il 1953. In questo complesso Nervi ha avuto modo di utilizzare per la prima volta su strutture di grandi luci la sua personale tecnica costruttiva, che prevedeva l’uso congiunto ed esteso di ferrocemento ed elementi prefabbricati. Questo contributo vuole analizzare e discutere i fattori di vulnerabilità sismica presenti nei due saloni realizzati da Nervi. Infatti, entrambi i saloni, in linea con le normative dell’epoca, sono stati concepiti e realizzati senza tener conto delle possibili azioni sismiche. Sulla base di alcune modellazioni a elementi finiti dei Saloni B e C, sono state condotte diverse analisi con l’obiettivo di: i) valutare la vulnerabilità delle architetture spaziali storiche rispetto alle azioni sismiche, con particolare attenzione alla strutture di Nervi; ii) approfondire l’influenza degli elementi non strutturali sulla risposta globale dell’edificio rispetto alle azioni dinamiche; iii) contribuire a una migliore conoscenza del patrimonio architettonico di Pier Luigi Nervi.
978-88-96386-58-3
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fattori di vulnerabilità sismica nelle architetture voltate di Torino Esposizioni.pdf

non disponibili

Descrizione: Abstract, articolo, bibliografia
Tipologia: 2. Post-print / Author's Accepted Manuscript
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.55 MB
Formato Adobe PDF
1.55 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2685801
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo