Sulla rappresentazione dei campi elettromagnetici in coordinate curvilinee ortogonali