Una geografia degli eventi di piccola e media grandezza a Torino: luoghi puntiformi o flussi continui?