Un linguaggio trasversale: il segno come traccia grafica