Sulla Prevedibilità del Valore Effettivo del Periodo Stabile di un Reattore Nucleare