European spatial planning: il contributo di una “prospettiva mediterranea”