L’articolo affronta il tema delle decisioni di fine vita in Canada. In via preliminare, dopo alcune precisazioni sulla terminologia utilizzata nell’analisi, viene delineata la cornice ordinamentale in cui la materia si colloca: la sussistenza di common law jurisdictions, ad eccezione del Quèbec; l’intersecarsi nella regolamentazione di common law e statutory law; il complesso riparto di competenze federali e provinciali in materia sanitaria. Lo scritto fornisce una ricognizione delle diverse situazioni in cui la materia delle decisioni di fine vita si articola: eutanasia volontaria attiva e suicidio assistito; eutanasia involontaria attiva; rifiuto iniziale e interruzione di trattamenti di sostegno vitale da parte di individui capaci; non attivazione e interruzione di trattamenti di sostegno vitale rivolti a soggetti incapaci. Particolare attenzione è riservata allo studio c.d. advance directives, la cui analisi offre interessanti spunti di riflessione per il dibattito sul testamento biologico in Italia.

Le decisioni di fine vita in Canada: spunti di riflessione per il dibattito sul testamento biologico in Italia / Molaschi, Viviana. - In: SANITÀ PUBBLICA E PRIVATA. - ISSN 1722-7194. - STAMPA. - 5(2011), pp. 5-23.

Le decisioni di fine vita in Canada: spunti di riflessione per il dibattito sul testamento biologico in Italia

MOLASCHI, Viviana
2011

Abstract

L’articolo affronta il tema delle decisioni di fine vita in Canada. In via preliminare, dopo alcune precisazioni sulla terminologia utilizzata nell’analisi, viene delineata la cornice ordinamentale in cui la materia si colloca: la sussistenza di common law jurisdictions, ad eccezione del Quèbec; l’intersecarsi nella regolamentazione di common law e statutory law; il complesso riparto di competenze federali e provinciali in materia sanitaria. Lo scritto fornisce una ricognizione delle diverse situazioni in cui la materia delle decisioni di fine vita si articola: eutanasia volontaria attiva e suicidio assistito; eutanasia involontaria attiva; rifiuto iniziale e interruzione di trattamenti di sostegno vitale da parte di individui capaci; non attivazione e interruzione di trattamenti di sostegno vitale rivolti a soggetti incapaci. Particolare attenzione è riservata allo studio c.d. advance directives, la cui analisi offre interessanti spunti di riflessione per il dibattito sul testamento biologico in Italia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Molaschi_fine_vita_Ca_2011.pdf

non disponibili

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 210.02 kB
Formato Adobe PDF
210.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2977363