Negli ultimi 20 anni, esperienze e pratiche di ricerca etnografica si sono progressiva-mente affermate nella ricerca geografica fino a diventarne una componente fondamentale. Eppure ‘fare etnografia’ in geografia non è certo né scontato: richiede un adattamento alle esigenze e agli obiettivi della riflessione geografica, ma anche alla complessità del ‘campo’ della ricerca nelle scienze sociali contemporanee. In particolare, i tempi, i luoghi e le forme di un’etnografia thick (Geertz, 1973) sembrano inadatte a confrontarsi con le complessità spazio-temporali delle dinamiche socio-spaziali attuali, con le trasformazioni del campo di ricerca, del soggetto che fa ricerca e del contesto in cui si fa ricerca, ma anche, e più radi-calmente, con i limiti derivanti dal retaggio coloniale della ricerca etnografica. Attraverso il riferimento a cinque radicalmente diverse esperienze di ricerca sul campo, l’articolo pone la questione del fare etnografia nella ricerca geografica ed esplora le possibilità di un suo ripensamento critico nella direzione di una positiva e necessaria sottigliezza e superficialità.

Il ‘campo’ geografico di un’etnografia sottile. Cinque esperimenti di fieldwork / VALZ GRIS, Alberto; Iacovone, Chiara; Safina, Astrid; Pollio, Andrea; Governa, Francesca. - In: RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA. - ISSN 0035-6697. - CXXIX:1(2022), pp. 5-31.

Il ‘campo’ geografico di un’etnografia sottile. Cinque esperimenti di fieldwork

Alberto Valz Gris;Chiara Iacovone;Astrid Safina;Andrea Pollio;Francesca Governa
2022

Abstract

Negli ultimi 20 anni, esperienze e pratiche di ricerca etnografica si sono progressiva-mente affermate nella ricerca geografica fino a diventarne una componente fondamentale. Eppure ‘fare etnografia’ in geografia non è certo né scontato: richiede un adattamento alle esigenze e agli obiettivi della riflessione geografica, ma anche alla complessità del ‘campo’ della ricerca nelle scienze sociali contemporanee. In particolare, i tempi, i luoghi e le forme di un’etnografia thick (Geertz, 1973) sembrano inadatte a confrontarsi con le complessità spazio-temporali delle dinamiche socio-spaziali attuali, con le trasformazioni del campo di ricerca, del soggetto che fa ricerca e del contesto in cui si fa ricerca, ma anche, e più radi-calmente, con i limiti derivanti dal retaggio coloniale della ricerca etnografica. Attraverso il riferimento a cinque radicalmente diverse esperienze di ricerca sul campo, l’articolo pone la questione del fare etnografia nella ricerca geografica ed esplora le possibilità di un suo ripensamento critico nella direzione di una positiva e necessaria sottigliezza e superficialità.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RGI1-22_Gris+et+al.pdf

accesso aperto

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: PUBBLICO - Tutti i diritti riservati
Dimensione 5.59 MB
Formato Adobe PDF
5.59 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2958235