Città, spazi pubblici e pluralismo: una critica delle ordinanze sindacali