Tramandare la memoria di giardini scomparsi: la dimensione contemporanea di una narrazione iconemica