Il diritto alla cura dei beni comuni come palestra di democrazia