Il progetto juvarriano per la palazzina di caccia di Stupinigi, dal 1729, è stato riconosciuto dalla critica come un modello insuperato di legame tra architettura, loisir sovrano, caccia e territorio. Non si tratta infatti di sola architettura, ma di un compiuto ridisegno alla scala territoriale, nel quale già si prefigura il legame con la capitale, Torino, poi mandato in esecuzione successivamente, a partire dal 1754, in posizione frontale, mentre sul retro si disegna il tracciato della rotta reale e del reticolo delle rotte di caccia. L'album Ris. 59.4 del cosiddetto corpus juvarrianum della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, pur non mostrando disegni per questo complesso sistema integrato di architettura e paesaggio, offre all'interpretazione una serie di schizzi, di datazione precedente, che rappresentano appunto "pensieri", e divagazioni sul tema della pianta centrale e che lasciano presagire le successive scelte per la palazzina, mentre una eccezionale scenografia teatrale ha tutto il sapore delle scelte scenografiche del salone centrale della residenza. L'intreccio poi con i disegni territoriali conservati nell'Archivio Storico dell'Ordine Mauriziano, sui cui terreni sorge il complesso, conferma la complessità del progetto totalizzante del messinese.

"Pensieri" di Filippo Juvarra per Stupinigi: un disegno territoriale per l'architettura sovrana / Devoti, Chiara. - STAMPA. - (2020), pp. 322-332. [10.26344/JUV20.DEV]

"Pensieri" di Filippo Juvarra per Stupinigi: un disegno territoriale per l'architettura sovrana

Chiara Devoti
2020

Abstract

Il progetto juvarriano per la palazzina di caccia di Stupinigi, dal 1729, è stato riconosciuto dalla critica come un modello insuperato di legame tra architettura, loisir sovrano, caccia e territorio. Non si tratta infatti di sola architettura, ma di un compiuto ridisegno alla scala territoriale, nel quale già si prefigura il legame con la capitale, Torino, poi mandato in esecuzione successivamente, a partire dal 1754, in posizione frontale, mentre sul retro si disegna il tracciato della rotta reale e del reticolo delle rotte di caccia. L'album Ris. 59.4 del cosiddetto corpus juvarrianum della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, pur non mostrando disegni per questo complesso sistema integrato di architettura e paesaggio, offre all'interpretazione una serie di schizzi, di datazione precedente, che rappresentano appunto "pensieri", e divagazioni sul tema della pianta centrale e che lasciano presagire le successive scelte per la palazzina, mentre una eccezionale scenografia teatrale ha tutto il sapore delle scelte scenografiche del salone centrale della residenza. L'intreccio poi con i disegni territoriali conservati nell'Archivio Storico dell'Ordine Mauriziano, sui cui terreni sorge il complesso, conferma la complessità del progetto totalizzante del messinese.
978-88-8262-298-5
Filippo Juvarra regista di corti e capitali dalla Sicilia al Piemonte all'Europa
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Juvarra_Devoti_saggio.pdf

non disponibili

Descrizione: pdf del saggio con bibliografia, indice, colphon e copertina del volume
Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.23 MB
Formato Adobe PDF
3.23 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11583/2862182