A vent’anni dalla sua introduzione in Italia, la figura professionale del Pianificatore territoriale è ancora dibattuta: da un lato, la recente proposta di riforma elaborata dal CNAPPC determinerebbe la sua scomparsa; dall’altro lato, la revisione delle classi di laurea (L-21 e LM-48) avviata dal CUN ha offerto l’occasione di ribadirne la rilevanza culturale. Attraverso la raccolta e analisi di dati provenienti da diverse fonti, l’articolo indaga alcuni aspetti dell’offerta formativa e del mercato del lavoro in pianificazione e la loro evoluzione negli ultimi 20 anni, inquadrando il ruolo e le competenze professionali del pianificatore territoriale in Italia e nel contesto internazionale. Infatti, scuole e asso- ciazioni professionali di planning esistono in tutto il mondo, ma in una tale varietà di forme (denominazioni, contaminazioni disciplinari, status giuridico) che il ruolo sociale del Pianificatore stenta a farsi riconoscere. Ciononostante, un forte riconoscimento vie- ne dalla Nuova Agenda Urbana delle Nazioni Unite. In conclusione, si osserva come il dibattito in Italia sia finora stato guidato (e fuorvia- to) da pochi indicatori, che non sono né affidabili né sufficienti. Data la crescente globa- lizzazione di formazione e professione, esso andrebbe invece impostato in prospettiva internazionale, ponendo attenzione alla competenza, utilità sociale e ruolo attuale e po- tenziale dei pianificatori.

Il Pianificatore territoriale in Italia: alcuni dati su formazione e professione in una prospettiva internazionale / Bonavero, Federica; Cassatella, Claudia. - In: TRIA. - ISSN 2281-4574. - ELETTRONICO. - 13:2(2020), pp. 99-112. [10.6092/2281-4574/7387]

Il Pianificatore territoriale in Italia: alcuni dati su formazione e professione in una prospettiva internazionale

Federica Bonavero;Claudia Cassatella
2020

Abstract

A vent’anni dalla sua introduzione in Italia, la figura professionale del Pianificatore territoriale è ancora dibattuta: da un lato, la recente proposta di riforma elaborata dal CNAPPC determinerebbe la sua scomparsa; dall’altro lato, la revisione delle classi di laurea (L-21 e LM-48) avviata dal CUN ha offerto l’occasione di ribadirne la rilevanza culturale. Attraverso la raccolta e analisi di dati provenienti da diverse fonti, l’articolo indaga alcuni aspetti dell’offerta formativa e del mercato del lavoro in pianificazione e la loro evoluzione negli ultimi 20 anni, inquadrando il ruolo e le competenze professionali del pianificatore territoriale in Italia e nel contesto internazionale. Infatti, scuole e asso- ciazioni professionali di planning esistono in tutto il mondo, ma in una tale varietà di forme (denominazioni, contaminazioni disciplinari, status giuridico) che il ruolo sociale del Pianificatore stenta a farsi riconoscere. Ciononostante, un forte riconoscimento vie- ne dalla Nuova Agenda Urbana delle Nazioni Unite. In conclusione, si osserva come il dibattito in Italia sia finora stato guidato (e fuorvia- to) da pochi indicatori, che non sono né affidabili né sufficienti. Data la crescente globa- lizzazione di formazione e professione, esso andrebbe invece impostato in prospettiva internazionale, ponendo attenzione alla competenza, utilità sociale e ruolo attuale e po- tenziale dei pianificatori.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
7387-Articolo-27719-1-10-20210102.pdf

accesso aperto

Tipologia: 2a Post-print versione editoriale / Version of Record
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.45 MB
Formato Adobe PDF
2.45 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2859758