Pandemia e usi temporanei: nuove potenzialità?