Di epidemie, villeggianti e seconde case