John Ruskin e l’architettura classica. La rovina nei contesti medievali come accumulazione della memoria