L’«eloquenza» degli edifici nei modi di ripensare la «pelle»