Logiche territoriali e dinamiche identitarie: una possibile lettura del caso sardo