Rileggere Hardin: dalla “tragedia” all’amministrazione condivisa