Da supporto a fardello. Risignificare la «geografia volontaria», dopo la crisi