Il progetto architettonico per lo scalo ferroviario di Ferrandina (esposto presso il Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venezia del 2018) misura la tensione tra più spunti di riflessione: Il caravanserraglio come luogo di transito, sosta e scambio; gli spazi infrastrutturali e logistici, con i loro componenti standardizzati e ripetuti nei luoghi; la pensilina come archetipo della stazione, ma anche tema di studio progettuale. Sul solco di queste suggestioni i volumi esistenti vengono riusati e riordinati attraverso due elementi: il disegno del suolo e la definizione del perimetro. Il suolo è composto da una pavimentazione minerale che, richiamando il colore del territorio, disegna uno shared ground che fa convivere i diversi usi. A partire dal suolo si elevano strutture verticali a telaio che includono e/o completano i fabbricati esistenti. Queste sono assemblate così da comporre un atlante di possibili combinazioni: un nuovo fronte, una quinta, un ampliamento, uno spazio coperto di connessione.

Laboratorio Basento: Due nodi curativi per la Collina materana / Suraci, Niccolo'; Geuna, Alberto; DELLA ROCCA, Simona; Bottero, Alberto. - In: DOMUS. - ISSN 0012-5377. - STAMPA. - 1025:Arcipelago Italia(2018), pp. 9-9.

Laboratorio Basento: Due nodi curativi per la Collina materana

Niccolò Suraci;Alberto Geuna;Simona Della Rocca;Alberto Bottero
2018

Abstract

Il progetto architettonico per lo scalo ferroviario di Ferrandina (esposto presso il Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venezia del 2018) misura la tensione tra più spunti di riflessione: Il caravanserraglio come luogo di transito, sosta e scambio; gli spazi infrastrutturali e logistici, con i loro componenti standardizzati e ripetuti nei luoghi; la pensilina come archetipo della stazione, ma anche tema di studio progettuale. Sul solco di queste suggestioni i volumi esistenti vengono riusati e riordinati attraverso due elementi: il disegno del suolo e la definizione del perimetro. Il suolo è composto da una pavimentazione minerale che, richiamando il colore del territorio, disegna uno shared ground che fa convivere i diversi usi. A partire dal suolo si elevano strutture verticali a telaio che includono e/o completano i fabbricati esistenti. Queste sono assemblate così da comporre un atlante di possibili combinazioni: un nuovo fronte, una quinta, un ampliamento, uno spazio coperto di connessione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11583/2754312
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo