Internet, intermediari e utenti: un linguaggio comune?