L'analisi del patrimonio terrazzato ha implicazioni in molti campi di studio differenti, in quanto racchiude in sé effetti e relazioni connesse alle dinamiche naturali e ambientali, socio-economiche e culturali. Dato che l’abbandono dei terrazzamenti impoverisce i territori e le comunità, causa rischi naturali, in particolare idrogeologici, e la loro disattivazione porta alla perdita dell’identità culturale delle comunità che li hanno prodotti, questo studio mira a individuare e sperimentare metodi e sistemi rapidi per identificarli e mapparli. Dal momento che nei territori montani è stata riconosciuta una profonda relazione tra l’elevata parcellizzazione fondiaria e l'utilizzo dei terrazzamenti produttivi, un primo metodo per il loro rilievo si basa su mappe catastali. L'utilizzo congiunto di DEM a scala regionale e dei datasets della cartografia numerica catastale, introdotti in un modello di calcolo che sfrutta analisi spaziali tipiche dei GIS, consente di identificare aree di elevata probabilità di terrazzamento. Un secondo metodo si basa sull'utilizzo delle nuove tecnologie per il rapid mapping a grande scala. I DEM derivati dalla fotogrammetria UAV (Unmanned Aerial Vehicle), data la loro capacità di determinare la caratterizzazione micro-topografica del terreno al pari delle più onerose tecniche terrestri, possono essere considerati uno strumento a basso costo per individuare e mappare il patrimonio terrazzato. Il lavoro proposto include test comparativi tra i metodi che sfruttano gli strumenti di analisi GIS applicati ai modelli di acclività. Questo lavoro mira ad evidenziare l'efficacia dell'utilizzo di entrambi i metodi: i DEM a scala regionale e i dataset della cartografia numerica catastale sono utili ad individuare l’elevata probabilità di localizzazione dei terrazzamenti e i DEM derivati dall'uso di dati UAV tramite gli algoritmi SfM (Structure from Motion) dimostrano l’efficacia dell’impiego dei sistemi di fotogrammetria da drone in questo campo.

ANALISI DI DTM/DSM PER L’INDIVIDUAZIONE DI PAESAGGI TERRAZZATI. TEST COMPARATIVO USANDO DEM REGIONALI E DATI UAV / Antonia, Spanò; Sammartano, Giulia; CALCAGNO TUNIN, Francesca; Cerise, Sylvie; Possi, Giulia. - In: BOLLETTINO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI FOTOGRAMMETRIA E TOPOGRAFIA. - ISSN 1721-971X. - STAMPA. - 4:(2017).

ANALISI DI DTM/DSM PER L’INDIVIDUAZIONE DI PAESAGGI TERRAZZATI. TEST COMPARATIVO USANDO DEM REGIONALI E DATI UAV

Antonia Spanò;Giulia Sammartano;CALCAGNO TUNIN, FRANCESCA;CERISE, SYLVIE;POSSI, GIULIA
2017

Abstract

L'analisi del patrimonio terrazzato ha implicazioni in molti campi di studio differenti, in quanto racchiude in sé effetti e relazioni connesse alle dinamiche naturali e ambientali, socio-economiche e culturali. Dato che l’abbandono dei terrazzamenti impoverisce i territori e le comunità, causa rischi naturali, in particolare idrogeologici, e la loro disattivazione porta alla perdita dell’identità culturale delle comunità che li hanno prodotti, questo studio mira a individuare e sperimentare metodi e sistemi rapidi per identificarli e mapparli. Dal momento che nei territori montani è stata riconosciuta una profonda relazione tra l’elevata parcellizzazione fondiaria e l'utilizzo dei terrazzamenti produttivi, un primo metodo per il loro rilievo si basa su mappe catastali. L'utilizzo congiunto di DEM a scala regionale e dei datasets della cartografia numerica catastale, introdotti in un modello di calcolo che sfrutta analisi spaziali tipiche dei GIS, consente di identificare aree di elevata probabilità di terrazzamento. Un secondo metodo si basa sull'utilizzo delle nuove tecnologie per il rapid mapping a grande scala. I DEM derivati dalla fotogrammetria UAV (Unmanned Aerial Vehicle), data la loro capacità di determinare la caratterizzazione micro-topografica del terreno al pari delle più onerose tecniche terrestri, possono essere considerati uno strumento a basso costo per individuare e mappare il patrimonio terrazzato. Il lavoro proposto include test comparativi tra i metodi che sfruttano gli strumenti di analisi GIS applicati ai modelli di acclività. Questo lavoro mira ad evidenziare l'efficacia dell'utilizzo di entrambi i metodi: i DEM a scala regionale e i dataset della cartografia numerica catastale sono utili ad individuare l’elevata probabilità di localizzazione dei terrazzamenti e i DEM derivati dall'uso di dati UAV tramite gli algoritmi SfM (Structure from Motion) dimostrano l’efficacia dell’impiego dei sistemi di fotogrammetria da drone in questo campo.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SIFETn4_2017_Spano.pdf

non disponibili

Tipologia: 1. Preprint / submitted version [pre- review]
Licenza: Non Pubblico - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.64 MB
Formato Adobe PDF
1.64 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11583/2709712
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo