Fonti storiche e prodotti digitali. Il caso dell’Esposizione del 1928 a Torino