Verso un paradigma “reticolare trasversale”