Fantasia e realtà: l'Internet delle cose serve?