Segni di speranza e trasparenza nell’hinterland di Napoli