Ugo, Tino, il vecchio Torinese e il Brich. Quattro sguardi e una città