Tempi duri per gli architetti, siamo alla "proletarizzazione"