Sull'attrito di Coulomb nell'approccio al problema della fatica dei materiali fragili