Nota a Dante, Inf. VI 16. Un corrispondente antico?