Siamo condannati a fare sempre meglio