Dopo la sbornia elettronica è ora di tornare alla meccanica