Una riflessione a margine del concorso