Anche la gloria diventa postmoderna. «StadtBauwelt» racconta che cosa fanno ora gli architetti che erano celebri negli anni ottanta