Tra mobilità e progetto culturale