Andrea Maglio, Hannes Meyer: un razionalista in esilio. Recensione