Il 'marmo' marino e il 'mostro': Collodi, Pinocchio XXXIV. Un modello virgiliano?