Alcune considerazioni su un metodo per il calcolo delle caratteristiche flessionali piane di strutture riducibili ad elementi trabeiformi